fbpx

Active Campaign vs AWeber vs Get Response quale scegliere?

ActiveCampaign vs AweberQual è la migliore piattaforma Email Marketing 2016 tra ActiveCampaign, Aweber o GetResponse?

Qualsiasi prodotto o servizio tu venda, l’email marketing dovrà avere un ruolo sempre più importante nella tua attività di vendita.

Dovrai farla crescere, imparare a sfruttare al massimo la tua piattaforma di email marketing fino a quando diventerà la tua fonte primaria di acquisizione clienti. La tua mailing list in target è il tuo miglior investimento a lungo termine ed è l’unico modo per dare forma al tuo Marketing Educazionale, che significa coltivare il rapporto con i tuoi iscritti e dare loro la possibilità di avvicinarsi al tuo prodotto/servizio in maniera corretta mediante l’invio di email pianificate con una strategia ben precisa.

Per questo motivo, scegliere la migliore piattaforma di email marketing per le tue esigenze è un passo di FONDAMENTALE importanza e dovresti sempre prendere informazioni (attendibili ovviamente) prima di prendere la tua decisione.

Un modo per prendere informazioni è quello che io uso sempre: ascoltare le persone che utilizzano e hanno utilizzato per anni i vari servizi a cui anch’io posso essere interessato e chiedere informazioni sui PRO e CONTRO.

E’ ovvio che non lo chiedo a chi fa un articoletto sul web senza sapere chi è; nel mostro caso, visto che stai leggendo questo blog, dovresti sapere che negli anni ho testato diverse piattaforme, realizzando videocorsi sulle principali che ho testato.

Ad una prima “perlustrazione”, ad una prima presa di contatto freddo, quello che vedrai è che:

  • Tutti mandano email
  • Tutti hanno i form di iscrizione
  • Tutti hanno le liste
  • Tutti gestiscono i contatti
  • Tutti….

Si, hai ragione….ma non è facendo queste valutazioni che sarai in gradi valutare ed apprezzare i pro e contro di questi sistemi.

Con tutti questi servizi, capire quello che va bene per te può essere una bella sfida.

Voglio prendere spunto dalle email che ricevo tutti i giorni e farte una panormica, una volta per tutte, di quelli che sono i pro e i contro delle principali Piattaforme utilizzate in Italia.

Quindi in questo articolo voglio prendere in esame i 3 servizi di Email Marketing che ho utilizzato in modo massiccio in questi utlimi 6 anni: Aweber, Get Response e Active Campaign.

Ti spiegherò anche i motivi che mi hanno spinto ad innamorarmi letteralmente di uno di questi 3.

Aweber

AWeber è senza dubbio il sistema di Email Marketing più conosciuto in Italia per chi utilizza queste piattaforme per come andrebbero utilizzate: non solo per l’invio massivo di email, ma per l’invio sequenziale (FollowUp) e la conseguente creazione di sequenze di email più o meno complesse.

E’ stato il primo che ho utilizzato per 2 anni circa e mi sono avvicinato in quanto consigliato da molte persone che già operavano con questo tipo di strumenti.

E’ stato un sistema che è stato “sponsorizzato” da molti facendo leva sulla totale mancanza di informazioni in rete e quindi è stato molto facile “imbattersi” in questo servizio quasi subito, alle prime mie ricerche di info in merito agli autorisponditori.

La caratteristica migliore di Weber è, per me, l’affidabilità di funzionamento. E’ un’azienda sana, presente da moltissimi anni e conta su milioni di account attivi.

E’ un ottimo servizio e molto semplice da utilizzare. L’editor per scrivere email è migliorato molto, soprattutto nel corso del 2015 rispetto a come era negli anni precedenti.

Ci sono anche molti videocorsi in italiano su questo sistema (uno l’avevo fatto anch’io nel 2011) e il sistema è da sempre un compagno affidabile per l’attività online.

Le email sequenziali (followup) sono semplici da programmare ma hanno un grande limite (ad oggi):

Possono essere programmati gli invii solo su Trigger basati sul tempo, cioè sui giorni di “ritardo” rispetto alle iscrizioni alle liste.

Sono possibili split test con varianti delle email anche se a livello sicuramente inferiore agli altri 2 servizi.

E’ famoso per avere delle API (codici che permettono la connessione diretta a servizi di terze parti) che gli consentono di essere integrato in tantissime applicazioni.

Gestisce bene il link tracking e le statistiche sono precise.

Ha l’applicazione per IOS e Android, che funziona bene.

Purtroppo non gestisce NESSUN tipo di automazione, cosa che lo penalizza in quanto ad efficacia e realizzazione di strategie molto più efficaci del solo “invio programmato”.

Lo trovi cliccando qui

Pro di AWeber

* Facilità di utilizzo

* Solidità del sistema e buona deliverability (% di consegna)

* Integrazione con moltissimi servizi di terze parti

Contro di AWeber

* Ha solo l’invio di email sequenziali (followup) basati sul tempo

* Lo split test è molto basico

* Non consente nessun tipo di automazione

GetResponse

GetRepsonse si pubblicizza come “Il modo più semplice per fare email marketing”.

In realtà, potrei quasi essere d’accordo. Ho utilizzato per circa 2 anni anche questa piattaforma, tanto che sono stato il primo in Italia a realizzare un Videocorso il giorno dopo che è stato reso disponibile in Italiano.

Ha un’interfaccia veramente intuitiva, con tasti grandi e funzioni facilmente trovatelli.

E’ cosiddetto “user friendly” e sono pienamente d’accordo.

L’editor email è molto carino, ha una app all’interno (a pagamento) che ti consente di creare belle landing Page ed ha un sacco di personalizzazione dei form di iscrizione.

Anche l’integrazione con terze parti è molto diffusa, e consente di essere integrato in molti sistemi e molte APP.

Ha l’applicazione per IOS e Android, anche se basica ma funziona.

All’interno dell’editor, ci sono un sacco di immagini già pronte ed è perfettamente integrato con IstockPhoto per una scelta infinita.

Il limite di GetResponse è la mancanza totale di automazioni.

Ci sono solo pochi Trigger che possono far partire delle email, tra cui il tempo, se viene cliccata la mail, se viene iscritto ad una lista.

Di solito si utilizza sempre quello che si basa sul tempo da quando ci si iscrive alla lista. Si può anche far partire una mail con l’unica condizione possibile: quella se è statoncliccato un determinato link. Che è già una buona cosa.

Il bello della gestione dell’autorisponditore per i followup di Getresponse è che sono programmabili in una vista in stile GoogleCalendar per avere sempre la situazione sott’occhio

Lo split test funziona molto bene, è possibile decretare un vincitore per la miglior performance tra le varianti di una email e mandare via quella più performanti al resto della lista.

A livello di prezzo è molto concorrenziale e buono.

Account GetResponse di prova

Pro di Get Response

* Le caratteristiche potenti e flessibili di risposta automatica

* Facile da usare split test

* Modulo personalizzabile per il webform

* Ottimo rapporto qualità/prezzo

Contro di Get Response

* Nessun capacità di automazione

* Ultimamente ho riscontrato problemi di deliverability

ActiveCampaign

Active Campaign è senza dubbio la miglior piattaforma di email marketing presente oggi sul mercato e che ho potuto testare a fondo.

Oltre ad essere il più ricco di funzioni, la sua grande forza è la capacità di fare AUTOMAZIONI INCREDIBILI.

Si esatto, automazioni. Significa che, con questo strumento, non avrai più il problema di COME fare delle cose a livello tecnico, ma avrai il problema contrario: cioè COSA fare con questo ben di Dio.

Oggi potrai finalmente concentrarti sulla strategia di vendita e di marketing più efficace, grazie alle infinite possibilità che Active Campaign ti mette a disposizione.

Il fatto è che se ti abitui a poter eseguire queste operazioni di Automazione non riuscirai più a tornare indietro.

Non riuscirai più a immaginare un sistema di Email Marketing realizzabile senza queste incredibili automazioni.

Ci sono un sacco di modi per personalizzare la schermata di interfaccia HOME, e il software è ormai quasi al 90% in italiano.

L’import dei contatti va che è una meraviglia, ma nelle fasi iniziali, se importi delle liste di contatti in .csv esportate da un’altra piattaforma, quasi sicuramente i ragazzi di Active Campaign ti chiederanno info sulla provenienza di questi contatti; questo per evitare “danni” ai propri server. Questa è una caratteristica comune anche agli altri servizi.

I contatti, se sono associati con immagini a Gravatar.com sono visibili anche con immagine, piccola chicca ma gradevole.

All’inizio del 2016 è stato fatto un grande restyling della piattaforma, ed è per questo motivo che sto realizzando un nuovo videocorso.

L’editor email è stato migliorato notevolmente, anche grazie alla presenza della nuova interfaccia drag & drop.

I form di iscrizione, da sempre a dir poco PENOSI in Active Campaign si sono arricchiti di funzionalità negli account più “potenti”.

Le Automazioni sono la punta di diamante, e sono gestite proprio con una interfaccia tipo albero genealogico, cosa di una efficacia pazzesca.

Si possono generare flussi di email che prendono diramazioni diverse in base a come vengono scatenati gli eventi programmati; in più, con la nuova e fantastica funzione GoTo, le diramazioni posso tornare a riunirsi in un unico flusso se vengono soddisfatte le automazioni che hai programmato.

Altra chicca di Active Campaign, è la capacità di lavorare con i TAG, e quindi con un concetto di lavoro simile ad InfusionSoft, che cosa MOLTO MOLTO di più, anche se è considerato tra i 3 Top al mondo.

Ricorda una cosa importante: nella guerra della valutazione dei costi devi ricordare che Active Campaign fa questo ragionamento…..1 Lead = 1 email.

Gli altri, tutti, considerano 1 Lead ogni email presente in ogni lista; quindi 1 lead in 4 liste (con gli altri) sono 4 leads. E questo, con numeri grandi, fa una grande differenza.

Puoi poi configurare degli accessi per i tuoi collaboratori, definendo cosa possono e non posso fare/vedere. Non parliamo del fatto che, a partire dall’account Plus, è presente un VERO CRM che ti permette di gestire al 100% il tuo parco clienti e potenziali clienti, portandoli dai vari stadi programmati e seguendoli lungo un percorso fatto di eventi manuali oppure automatici.

Per tutto i resto delle features di Active Campaign, è sufficiente che scarichi il videocorso gratuito dal box che trovi in questo Blog.

Crea un account gratuito con ActiveCampaign

Pro di Active Campaign

* Facile creazione di Automazioni e Flussi di lavori complessi

* Lavora con il Tagging + Lead Scoring (utilissimo)

* Ottima gestione dello Split test

* Leads conteggiati una sola volta nel database (importante per i costi)

Contro di Active Campaign

* Form di iscrizione non esteticamente all’altezza * Non ha l’App per IOS e Android (io lo uso da iphone 6Plus in versione desktop ed è perfetto)

Conclusioni (Personali)

Se cerchi la piattaforma perfetta mi dispiace deluderti ma non la troverai mai.

Quello che devi fare, è cercare il miglior compromesso tra quello che rientra nel tuo budget e quello che riesci ad ottenere con uno strumento piuttosto che con un’altro.

Aweber è solido, è efficiente ma non offre Email Marketing Automation

GetRepsonse è facile, con molte funzioni “user friendly” ma non offre Email Marketing Automation

Active Campaign fa tutto quello che fanno gli altri + l’Email Marketing Automation Avanzatissimo.

Mi dispiace, ma non tornerò mai indietro e, ad oggi, non smetterò mai di consigliare questo sistema perché le automazioni che è in grado di gestire possono fare la differenza a 2 cifre decimali su quelli che sono i risultati che possono essere generati dal sistema, in quanto ad efficacia.

Puoi aprire il tuo account da qui, e scaricare il tuo videocorso gratuito in Italiano dal box che trovi alla tua destra.

Spero di averti dato delle informazioni utili.

Per qualsiasi cosa, sai che puoi lasciarmi un commento qui sotto e sarò lieto di condividere con te le informazioni di cui avrai bisogno.

Buon lavoro.

Alessandro

You May Also Like

  • Ciao Ale . Potresti specificare meglio cosa intendi per “automazione” . Per me “profano” , un follow up dopo un iscrizione è già automazione .Potresti fare un esempio . Grazie

    • Ciao. Un’automazione è un modo di programmare l’invio di una mail in base ad un evento che ne inneschi oppure no la partenza. nella maggior parte dei software questo evento può essere solo il ritardo di partenza a livello temporale; un questo caso ci sono decine di eventi che possono “attivare” l’invio di una mail, di applicazione di un tag, di uno spostamento di lista, di una notifica ecc ecc…:)

  • Siete i geni del cross selling cavalcando le difficoltà Italiche.
    “Primo autoresponder completamente in Italiano”.
    È quì li hai presi tutti!
    Suggerimento: se non avevo dei ragazzi che mi aiutacano sarei stato panato. Anche se è difficile, prova a semplificare ancora di più i termini. (Oh io l’Inglese lo so molto bene). Scusa la confidenza ma attrai affetto dalle persone con il tuo grande sbattimento nel risolvere rogne.

    • Ciao, non ho capito cosa intendi. Oltre l’80% del software è tradotto in italiano, e con i video direi che dovrebbe essere abbastanza risolvibile tutto. Ma si può sempre migliorare. Non devo “crossellare” nulla, e sei libero di scegliere la piattaforma che preferisci; Ce ne sono anche in Italiano, se ti vanno bene puoi usare quello. Se però mi segnali dove ho scritto “Primo autoresponder completamente in Italiano” lo rettifico immediatamente.
      Ciao.

  • Ciao Alessandro,
    da quando ho conosciuto planet Frank mi sono informato e ho scelto io ogni strumento di marketing, per la parte software (creazione blog incclusa) mi sono affidato ad una ditta locale che mi aveva già seguito la parte seo e restyling sito con cui mi ero trovato molto bene. Ho quindi delegato a loro la parte “creazione tecnica” del blog e scelta del software per la newsletter, io ovviamente ho pensato a tutta la parte dei contenuti oltre che ad altri canali di marketing offline.
    Per quanto riguarda il blog devo essere sincero sono molto soddisfatto, lo integriamo con campagne remarketing e social.
    Per la newsletter abbiamo scleto interspire, il quale per me che sono l’utilizzatore finale non è così intuitivo, visto che non l’hai nemmeno citato…significa che sto usando una roba proprio fuori concorso? passo ad active campaign ad occhi chiusi?

    • Ciao. Hai i video gratuiti (che sto aggiornando) per valutare se può fare per te; Non voglio dirti cosa devi fare anche perchè non conosco quel software (non l’ho mai usato) perchè non ho il tempo per provarli tutti anche se mi piacerebbe. Valuta quello che puoi fare con Active Campaign e vedi se è per te un miglioramento oppure no rispetto a quello che stai usando ok?
      Ciao

  • Conosco solo oggi l’esistenza di questi tre strumenti. Quali sono i costi? Giusto per capire non solo le differenze di prestazione ma appunto anche di costi? Mi era stato con il blog di evitare qualsiasi cosa con Aruba, io mi trovo benissimo, anzi prima della scelta avevo scritto ad Xgenius per capire meglio per piterlo piu acquistare, non mi hanno risposto mentre Aruba mi ha risposto subito tramite la chat. Inoltre aruba ha incorporato il Csm cosa che X non ha.

    • Ciao, puoi tranquillamente andare sulle homepage dei servizi e valutarne i costi. Aruba non è una piattaforma di email marketing; It’S Genius sicuro di averli contattati nel modo corretto?
      Ciao
      Alessandro

    • Aruba funziona bene fintanto che non hai problemi. Al primo problema che dovesse succedere ne riparliamo 😉
      Come in tutte le cose ci sono strumenti professionali e strumenti amatoriali, dipende da tu cosa vuoi farci con il tuo sito e la tua attività, l’importante è sapere cosa si è scelto.

  • Pur usandolo in maniera leggermente alternativa rispetto al suo scopo principale, Active Campaign è davvero fantastico e mi ha permesso di automatizzare alla grande quasi tutto il mio business. Grazie Alessandro, per avermelo fatto conoscere! Strumento indispensabile per l’Imprenditore vincente!

  • Ciao Ale,

    In effetti ad Active Campaign gli manca solo un form tipo GetResponse ed è perfetto.

    Pensi che miglioreranno quella funzione in futuro?

    Ciao.

  • Ciao Alessandro,
    scusami ma sbaglio o Active Campaigne da costare 15 dollari/mese ha alzato l’entry level a più di 40 dollari/mese?? Mentre gli altri 2 continuano ad essere a 12 e 19 dollari al mese?? O sono io che non trovo il prezzo entry level di AC?

    Grazie,

    • Ciao, no no c’è il piano lite da 9 dollari. Lo trovi nella sezione pricing, c’è il link “lite plan” sotto la foto di “Chris L Davis”

  • >